...associato al male in assoluto






Galan e il diavolo 

IL DIAVOLO veste Galan? 
Secondo don Francesco, viceparroco a Torre, in quel di Padova, sì, il diavolo ha le sembianze dell’ex potente governatore del Veneto ed ex ministro berlusconiano, finito nei guai giudiziari per lo scandalo Mose. Il prete ha evocato Galan in un’omelia ormai lontana nel tempo, domenica 22 febbraio. 

Ma è notizia pubblicata ieri da Il Gazzettino che il presunto diavolo, attualmente agli arresti domiciliari dopo aver patteggiato una condanna a due anni e dieci mesi, non l’ha presa bene e ha querelato per diffamazione. Un conto le accuse di corruzione, un conto essere associato al male in assoluto, riflette Galan. 

Sottili disquisizioni: se don Francesco, che ha criticato pesantemente anche le banche, l’avesse definito «luciferino» poteva pure passarci sopra ma l’identificazione con «colui che rappresenta tutti i disvalori e le caratteristiche negative dell’essere umano», quella no.

ALESSANDRA LONGO Repubblica 9 maggio 2015


Commenti